Impara l’autoipnosi in 6 ore

‘Impara l’autoipnosi in 6 ore’

.
Nota importante:

Questo è un workshop che ti insegna come raggiungere da solo lo stato ipnotico e come utilizzarlo per i tuoi obiettivi personali più semplici.
L’ho ideato in base ai principi indicati dalla National Guild of Hypnotists™, la prima e più autorevole Associazione al mondo di ipnotisti professionali.

Non si tratta, quindi, della formazione vera e propria di ipnotisti professionali, per i quali tengo un corso ad hoc di certificazione in ipnotismo professionale di 100 ore.

[Cfr. Domande e Risposte: fai scorrere fino a Ipnosi o ipnotismo? Che confusione!]

.

"Attività elettrica cerebrale nello stato ipnotico o meditativo."

Immaginazione e ipnosi

.

Inizia a ripristinare il tuo potere personale

L’unico potere che hai è su te stesso, ed è un potere immenso.

È ciò che ti permette di diventare finalmente una persona realizzata e felice, in qualunque ambito siano le tue aspirazioni o ambizioni – purché siano possibili, plausibili e oneste –, andando a utilizzare sempre meglio quella meravigliosa parte della mente che normalmente viene trascurata, se non addirittura frenata, dall’educazione formale.

Un vero peccato. Così, da adulti, ci troviamo a impiegare una parte minima e spesso inefficace della nostra mente.

Per contro, chi sappia utilizzare il ritmo cerebrale giusto per le proprie esigenze viene visto come una persona particolarmente dotata, una persona straordinaria, spesso invidiata dagli altri. E non è un segreto che ogni persona di successo faccia ricorso all’autoipnosi come pratica regolare.

Che lo si chiami rilassamento psicofisico, visualizzazione creativa, training mentale o altro – sempre di ipnosi si tratta! ;)

Così:

  • Le onde cerebrali indicano un ritmo rallentato rispetto allo stato di veglia attiva
  • La mente si focalizza come un raggio laser sull’obiettivo desiderato
  • C’è una bella lucidità mentale e una propensione ad accettare i suggerimenti positivi
  • Non si fa alcuno sforzo

Anzi, è una esperienza del tutto piacevole e corroborante.

Nulla di straordinario.

E, senz’altro, anche tu ti sei trovato in questa condizione molte e molte volte nella tua vita, senza neanche saperlo.

In fondo, anche tu hai già sperimentato il ritmo dell’ipnosi o del dormiveglia, vale a dire un ritmo più rilassato rispetto alla veglia attiva, come, per esempio, quando ti sei crogiolato al sole sulla spiaggia, godendoti il suo calore e lasciando vagare i tuoi pensieri in una sorta di rêverie.

Perché allora non hai ottenuto ciò che ti stava a cuore?

Semplice: perché in quel ritmo, prodotto a volontà, dobbiamo “lavorare”.

E tu non sai ancora come quel lavoro vada fatto.

.

L’ipnosi, da sola, non fa nulla

Proprio così. Di per se stessa, l’ipnosi non produce risultato alcuno, se non, forse, quello di rilassarci.

L’ipnosi non è che uno strumento, un mezzo.

È piuttosto il come la utilizziamo – vale a dire, che cosa facciamo in questo stato di coscienza, come usiamo la mente, quali strategie impieghiamo, come le impieghiamo e per quanto tempo –, a produrre il risultato.

Imparare a farla bene è fondamentale.

Sì, perché è molto facile cadere nell’autoinganno.

Di recente, ho avuto un allievo al corso di ipnotismo (i futuri ipnotisti devono imparare a fare molto bene l’autoipnosi, per essere in grado di insegnarla in seguito ai propri clienti), il quale aveva imparato l’autoipnosi in precedenza, da altri. Pur avendo sentito ripetere spesso, in classe, che i cambiamenti nell’adulto sono lenti e procedono per piccoli passi, questo allievo non ha accolto il nuovo concetto, ha saltato il suo tirocinio personale e, senza una guida, nell’arco dell’ultimo mese di corso ha perseguito ben quattro obiettivi diversi, uno alla settimana… Così avrebbe voluto farmi credere. Anche per questo, non si è diplomato.

.

Se io sono riuscita a scongiurare una tetraplegia iatrogena è per varie ragioni.

Innanzi tutto, la causa della sindrome che mi aveva paralizzato si è rivelata essere esterna alla mia mente, imputabile a un aggregante del vaccino antinfluenzale. Se si fosse trattato di una causa interna, avevo già deciso, prima ancora di conoscere la diagnosi, di chiamare in aiuto un bravo ipnotista dal Regno Unito. Naturalmente, da affiancare alle cure mediche.

In secondo luogo, da oltre tre decenni non solo pratico quotidianamente l’autoipnosi, ma ho avuto una formazione in numerosi ambiti di applicazione dell’ipnosi; e ho inoltre sviluppato la capacità di ideare strategie ipnotiche efficaci – come dire, sono una ‘vecchia’ ipnotista esperta.

Ecco perché, in ospedale prima e poi a casa, ho potuto creare le strategie giuste per il mio scopo, il piano d’azione mentale adatto alle esigenze del momento, alla mia individualità e storia di vita. E ho perseverato per mesi, senza scoraggiarmi, fino a riprendere a poco a poco equilibrio fisico, forza muscolare e movimenti. Fino a riacquistare l’uso di un corpo che una sindrome, molto spesso mortale, aveva reso inanimato come un pezzo di legno. E ho utilizzato l’ipnosi anche per il controllo del dolore, per mantenere l’ottimismo, la gioia nel cuore e la voglia di farcela (mi piace, se solo è possibile, vincere sulle difficoltà).

Alla stessa stregua, aiuto i miei clienti nel percorso di crescita personale, a ideare le strategie giuste per ognuno di loro, al fine di realizzare le proprie mete, un obiettivo alla volta.

Quindi, non è l’ipnosi/autoipnosi di per se stessa a dare il buon esito. È piuttosto la qualità e/o adeguatezza delle strategie impiegate, insieme al come le impieghiamo in ipnosi.

E quel piano d’azione deve essere personalizzato, pena il fallimento.

.

L’autoipnosi non è una panacea

L’ipnosi (o autoipnosi che sia) non è affatto il rimedio miracoloso che permetta di risolvere ogni e qualsiasi problema in ogni e qualsiasi campo.

Soprattutto, operando da soli.

Eppure, le richieste che ricevo dai miei connazionali per questo workshop di 6 ore sono stupefacenti. In particolare, quelle di chi è nella fatidica età di mezzo, quando è facile che l’eventuale problema sia abbastanza robusto o composito.

I casi sono due: o alcuni Italiani hanno una fede cieca nel “fai-da-te” (come dire, fai 6 ore come garzone da un falegname e saprai costruire qualsiasi mobile), oppure si credono capaci (novelli Mandrake) di fare qualsiasi cosa, solo conoscendo lo strumento e i primi rudimenti applicativi, specifici per un problema semplice.

Peccato che serva umiltà per poter apprendere, nonché tempo per formarsi delle capacità decenti.
Peccato che l’ipnosi non operi come la medicina, che, per il disturbo X, ha subito pronto il rimedio Y. (Esempio: Mal di testa? Ecco la pillola che te lo fa passare.)
Peccato che lavorare su se stessi, qualora il problema sia serio, sia una cosa che ben pochi, ipnotisti inclusi, sappiano fare.

Ah, c’è un terzo caso: ipnosi come magia, ma preferisco tralasciare questa dolente nota, tipica delle piccole menti superstiziose.

E i richiedenti vanno, per citarne solo alcuni, dal professore universitario con ambizioni intellettuali peculiari, alla signora affetta da un disturbo autoimmune, al signore sconfitto e senza lavoro – e tutti credono che basti imparare l’autoipnosi in poche ore per gestire le proprie necessità.

Bon Dieu!

Se così fosse, mi chiedo, a che scopo avrei speso anni e anni di studio all’estero? A che pro continuerei a studiare ancora oggi? Mah…

Per riassumere, tutti abbiamo la capacità di utilizzare questo strumento, che poggia su uno stato di coscienza naturale e quindi è riproducibile a volontà, purché impariamo come usarlo al meglio e procediamo un passo alla volta, senza fretta e senza l’arroganza dell’io – che ci illude di saper fare tutto da soli, in quattro e quattr’otto, anche in assenza di solide competenze; oltre a mantenerci nel pregiudizio che l’ipnosi stessa sia la panacea.

Bene. Non lo è.

.

Cosa accade se non la impari o la impari in maniera superficiale o errata?

Non accade nulla. Continuerai a pensare e ad agire così come hai sempre fatto, procurandoti ciò che hai sempre avuto.

Rimanendo, forse, insoddisfatto e scontento. Oppure illudendoti circa i suoi effetti. Basterà una prova della vita un po’ più robusta a farti ricredere.

Imparare l’autoipnosi non è difficile, ma imparare a farla bene lo è. L’importante è andare per gradi, partire dalle difficoltà più semplici e ignorare la tendenza a voler fare tutto e subito.

L’importante è “mantenere la mente del principiante”, come direbbe il maestro zen.

Se ti trovi anche tu in quel novero, sappi che puoi cambiare le cose.

Purché tu sia una persona normale, abbia più di quattro anni e non sia scettico, anche tu puoi farcela!

Perché si tratta di una capacità intrinseca che tutti possediamo, avendo una mente, un quoziente intellettivo e l’abilità di imparare cose nuove. Una capacità forse trascurata o dimenticata, che va pertanto (ri)appresa nel migliore dei modi.

.

«Quando impari l’autoipnosi, è vero,
col tempo puoi trasformare te stesso e la tua vita.»

.

Programma del workshop:

  • Rapida carrellata sull’ipnosi ⁄ autoipnosi
  • Utilità dell’ipnosi e sue numerose applicazioni
  • Esposizione della tecnica autoipnotica in 3 passi
  • Come stabilire l’obiettivo che vuoi raggiungere
  • Il punto di partenza: scopri come entrare nello stato ipnotico
  • Verifica che la soluzione specifica che cerchi sia adeguata, nonché possibile, plausibile e onesta
  • Ideazione dei suggerimenti personalizzati per agevolarti il risultato
  • Come creare le immagini relative alla soluzione del tuo specifico problema
  • Come elaborare le idee positive da coltivare
  • Domande e risposte
  • Esercitazioni pratiche, con correzione degli errori
  • Tutti i suggerimenti per praticare l’ipnosi da solo, con efficacia (non è così semplice come possa a prima vista sembrare… )

Nota: Ti consiglio di indossare abiti comodi.

.

A chi è rivolto:

Soprattutto a studenti e giovani – ma anche ad adulti di ogni età che non abbiano grossi problemi esistenziali – e che vogliano raggiungere un obiettivo semplice come, per esempio:

  • Sviluppare maggiore concentrazione e memoria nello studio o nella acquisizione di nuove competenze
  • Imparare a fare una veloce ricarica di energia per avere la mente più a fuoco e maggiore energia fisica nel corso della giornata
  • Migliorare le prestazioni in un’attività sportiva amatoriale
  • Affrontare con la dovuta calma e serenità i momenti difficili
  • Moderare gli effetti nefasti dello stress, imparando il vero rilassamento
  • Portare più pace nella propria vita
  • Aumentare la possibilità di realizzare le proprie mete, obiettivo dopo obiettivo
  • Migliorare la qualità del sonno, per svegliarsi al mattino riposati e rigenerati, pronti ad affrontare le belle sfide di quel nuovo giorno.

Imparerai un’arte che potrai usare per il resto della tua vita, per qualsiasi obiettivo semplice che tu voglia realizzare. L’unica cosa che ti è richiesta è la perseveranza, perché al mondo non esiste bacchetta magica alcuna e il risultato – ossia il cambiamento, il miglioramento –, quando l’infanzia è alle spalle, si raggiunge a piccoli passi, come ormai confermato dalle neuroscienze.

La partecipazione è limitata a 4 persone, in modo che io possa seguire tutti individualmente nel migliore dei modi e assicurare l’apprendimento sia della tecnica autoipnotica sia della strategia giusta per l’obiettivo di ognuno.

Da parte tua, naturalmente, serve applicazione nel tempo, fino al consolidamento dell’obiettivo. In tal modo, renderai permanente il risultato ottenuto.

.

Nota: Per difficoltà maggiori o di vecchia data, è necessario un buon lavoro ipnotico, con sedute individuali.
Mi auguro di aver chiarito perché talvolta sconsiglio caldamente a qualcuno di frequentare questo workshop, fino a rifiutarmi di accettarlo, qualora insista.
Poiché so che i benefici che potrebbe trarne sarebbero risibili, evito di illuderlo (e derubarlo). Per me, è una questione di correttezza.

.

Località e Calendario

Il workshop si tiene a Milano, di domenica, dalle 13:00 alle 19:30, con una pausa. Viene organizzato non appena si sia formato un gruppetto di 4 persone.

.

Come partecipare

Per imparare l’autoipnosi in 6 ore, telefonami per un breve colloquio preliminare, nel quale vagliare l’obiettivo che desideri raggiungere. Dopodiché, se è il caso, riceverai ulteriori informazioni non pubblicate e il modulo di iscrizione.

Per le modalità di adesione e di recesso, leggi la sezione Disclaimer / Termini e Condizioni di Utilizzo (scorrendo fino a pag. 4). Il link è presente anche nel piè di pagina del sito.

.

Incomincia a diventare la persona migliore che puoi essere

Questo è un semplice, primo passo verso la realizzazione delle tue mete, ma un passo gigantesco se consideri tutti i benefici nel tempo che la nuova abilità di guidare la tua stessa mente con l’autoipnosi potrà darti.

Tuttavia, ricorda: Un passo alla volta…

Allora, tutto diventa più facile.

Sei pronto a incamminarti verso il piacere della buona riuscita nel superamento delle difficoltà che incontri?

Bene, telefonami allo 02 8342 5599.

.
"Emma, il tuo Mind Mentor"
.
.
.
.
Photo credit: ©iStock. by GettyImages, agsandrew
.
.
.

Emma Gasperoni, Via Ruggero Bonghi 12, 20141 Milano
Ipnotista professionale – Personal & Professional Coach – Istruttore
Tel. +39 02 8342 5599 – Cell. 348 558 9925

Stare bene come scelta
empowering strategies

.